Etichettatura dei prodotti alimentari. Cosa cambia a fine anno.

 

Il 13 dicembre 2014 entrerà in vigore il Regolamento UE 1169/2011sull’etichettatura dei prodotti alimentari. Le aziende manifatturiere e distributive dovranno pertanto adeguarsi entro tale data alla nuova normativa che presenta diverse novità e punta ad una maggiore tutela della salute del consumatore e alla semplificazione delle diverse leggi nazionali.

Il regolamento europeo che è stato approntato è ricco e complesso; pertanto quest'anno ci sarà molto da fare per i vari soggetti coinvolti nel processo di etichettatura. Noi di Mida siamo a disposizione per fornire il necessario supporto tecnico per produrre etichette conformi ai nuovi parametri.

Con il nuovo Regolamento UE 1169/11 la sicurezza nutrizionale acquista maggiore rilievo, non più soltanto sulle confezioni dei prodotti venduti al commercio, ma anche in quelli somministrati dai pubblici esercizi o destinati alle vendite a distanza.

Vediamo ora alcune delle principali novità.

Chiarezza e leggibilità dell'etichetta
Le informazioni riportate in etichetta devono essere precise e facilmente comprensibili. Si ribadisce che la leggibilità è un elemento fondamentale. Pertanto vengono introdotti criteri più rigidi per evitare che informazioni importanti, che possono influenzare la scelta del consumatore, siano poco visibili o nascoste. A tale scopo sono indicate le dimensioni dei caratteri da utilizzare. E' inoltre vietato usare espressioni ambigue.
Le diciture obbligatorie, le indicazioni nutrizionali e quelle relative all’origine, devono stare nello stesso campo visivo della denominazione di vendita, come pure il marchio C.E. deve trovarsi nello stesso campo visivo della quantità nominale.
Occorre precisare simboli e unità di misura di riferimento dei valori numerici. Obbligo di stampare la data di scadenza su tutte le porzioni individuali preconfezionate dell’alimento.

Allergeni
Gli allergeni devono essere dichiarati nell’elenco ingredienti ed evidenziati graficamente (libertà di scelta sul metodo: dimensioni, colore, stile del carattere). Inoltre, vanno indicati se compresi in più ingredienti.

Etichetta nutrizionale obbligatoria
L’etichetta nutrizionale, che prima era facoltativa, ora diviene obbligatoria. Rispetto al passato deve riportare anche altre indicazioni come, per esempio, la quantità di grassi e di carboidrati per tipologia. La voce sodio viene sostituita con sale perchè più comprensibile. Il riferimento ai 100 g/ml delle quantità diventa obbligatorio.

Dichiarazione del luogo di origine del prodotto
Per paese di origine si intende il luogo dove i prodotti o gli ingredienti agricoli sono interamente realizzati o dove è stata fatta l’ultima trasformazione sostanziale.
Diviene obbligatorio indicare in etichetta il paese d’origine o il luogo di provenienza delle carni ovine, suine e caprine, come già avviene per la carne bovina.
Stesso obbligo anche per le carni utilizzate come ingrediente. Successivamente l'obbligo della dichiarazione del luogo di origine verrà esteso anche ad altri tipi di carne, latte e alimenti non trasformati.


Cliccate qui per leggere il Regolamento UE 1169/2011sull’etichettatura dei prodotti alimentari.

Questo sito utilizza i cookie e altre tecnologie per migliorare l'esperienza utente. Informazioni